La Storia

Le Origini

Cunizza, Marchesa d’Este, il Cardinale Francesco Pisani, la Contessa Evelina van Millingen sono i protagonisti della storia di Villa Pisani: da antica corte medioevale a sontuoso palazzo rinascimentale, fino al raffinato salotto culturale ottocentesco.

Una storia importante che, nata intorno all’anno 1000, conosce il massimo splendore nel corso del 1800, quando ha inizio “la bella favola” di Evelina. Un miracolo di cultura e di amore per la natura, tenacemente voluto e realizzato, ed ora restaurato e difeso dall’ attuale proprietaria.

1500 – 1900: La Famiglia Pisani

Cacciati da Pipino, figlio di Carlo Magno, i Conti Bassi di Murena, Governatori di Pisa, si stabilirono a Venezia, dove furono denominati Pisani.

Era circa l’anno ‘800 quando i Pisani iniziarono a costruire la loro fortuna di mercanti, banchieri e condottieri che li portò alle più alte cariche della Repubblica e divennero una delle famiglie veneziane più nobili e più ricche del tempo. I Pisani di Vescovana, appartenevano al ramo dei Pisani di Santo Stefano, che prende il nome dallo stupendo palazzo che abitavano in Campo S. Stefano a Venezia. Era questo il ramo più splendido e sensibile alle arti della grande famiglia, che, attraverso una intensa attività mercantile e creditizia, aveva accumulato una grandissima ricchezza che fu investita non solo nel feudo padovano, ma a Venezia in bellissimi palazzi e in terraferma in bellissime Ville, la cui costruzione venne affidata ai più insigni architetti dell’epoca, come il Palladio, il Falconetto o lo Scamozzi.

Evelina Pisani Furono Dogi, Generali, Ambasciatori e Cardinali della Serenissima, e per tutta la durata del fulgore della Repubblica Veneziana, fino alla sua caduta, ricoprirono i massimi ruoli politici, amministrativi e religiosi.

A Vescovana dedicarono l’attenzione che si doveva ad una immensa proprietà fondiaria da cui traevano un reddito importante che soccorreva le fortune della famiglia quando queste venivano compromesse dalle folli spese fatte per costruire palazzi o per stupire in ricevimenti e feste se nella Serenissima giungevano ospiti i reali d’Europa.

Con lente e sapienti opere di bonifica i Pisani seppero modificare un territorio ricco solo di acque, in una campagna fiorente e prospera dove coltivazioni di grano, tabacco, agrumi, assicuravano una grande ricchezza.

La Villa di Vescovana

Furono i Pisani di Santo Stefano che nel 1700 fecero edificare la Villa Pisani di Stra (Venezia), la Signora delle Ville Venete, talmente sontuosa da mettere in serie difficoltà economiche la famiglia, che poco prima aveva fatto dipingere dal Tiepolo l’affresco che celebra il suo trionfo. La Villa fu acquistata da Napoleone che ne fece la residenza del suo Viceré, Eugenio Buarnais, e successivamente divenne residenza dei Sovrani d’Italia. Dopo la vendita della Villa di Stra, i Pisani concentrarono la loro attenzione sulla Villa di Vescovana, che con l’arrivo dell’ultima Contessa Pisani, Evelina van Millingen, si arricchì dello splendido giardino e dell’imponente parco. Fu certamente questa affascinante Signora, dopo il Cardinale Francesco Pisani, committente della Villa, la protagonista e l’anima della residenza. La famiglia Pisani di Santo Stefano si estinse nel 1880 alla morte di Almorò III Giovanni Giuseppe, marito di Evelina.

Nel 1900, alla scomparsa di Evelyn, l’eredità passò ad un lontano nipote di Almorò, il Marchese Carlo Guido Bentivoglio d’Aragona, la cui figlia Elisabetta andò sposa al Conte Filippo Nani Mocenigo. Alla fine degli anni ’60, i nipoti della Marchesa Bentivoglio, i Conti Nani Mocenigo cedettero la proprietà ai Signori Mario e Mariella Bolognesi Scalabrin.

Esplora la Villa

Disponibile in Villa

Vuoi fare un matrimonio, un evento o altro?

Tutto ciò che è disponibile in Villa