HomeLa StoriaLa VillaIl GiardinoI ServiziDidatticaScrivono di noiContattiEventi
   La Storia e l'Autrice | L'architettura, le statue e le fontane | Il Parco, gli Alberi, i Fiori

L'architettura, le statue e le fontane

È un grande giardino formale, concepito per essere guardato dall’alto, chiamato “Crispin de Pass” (riferimento ad una tavola dell’Hortus Floridus di Crispin van de Pass - 1614), con un impianto geometrico a ventaglio di aiuole di bosso, che in primavera si colorano di tulipani e narcisi e in estate di centinaia di rose, arricchito da uno splendido arredo scultoreo costituito da una fontana neorinascimentale, da balaustre, obelischi, erme ed esotici pavoni, statue e putti firmati da Valentino Panciera detto il Besarel (1829-1902).
È una realizzazione straordinaria allineata con il revival che si andava imponendo in Inghilterra, e ispirata dal pensiero dell’architetto edoardiano Sir Reginald Blomfield (1856-1942), che nel volume "The Formal Garden in England" propugna il ritorno alla tradizione del giardino seicentesco olandese, ricco di elementi architettonici e ars topiaria, all'insegna del recupero della storia e della progettazione unitaria di casa e giardino.

Il giardino di Villa Pisani manifesta in ogni suo elemento le tre anime di Evelina, dovute, una all'educazione discendente dalla sua famiglia di origine (inglese e fiamminga), una al suo paese di adozione da sposa, e una al suo forte legame con la Turchia e alla cultura islamica. La forte radice inglese, che si esprime nel gusto vittoriano mitigato dal rispetto per la secolare storia dei Pisani si salda con la tradizione del giardino all’italiana e diviene un armonioso incontro tra un impianto fortemente architettonico e la naturalità del parco circostante. Ma nel giardino sono evidenti i segni che evocano il giardino islamico, come la fontana che sorge al centro dei quattro viali che rappresentano i quattro elementi che governano la vita, l'aria, la terra, l'acqua e il fuoco. Come la presenza dei pavoni di pietra, che sono nella tradizione dei sultani, i custodi della casa, e delle bulbose, specialmente dei tulipani, i fiori di Allah.
Intorno alla metà del 1800 si era affermato, soprattutto in Toscana, il gusto per l’Italianate garden filtrato del gusto Vittoriano. Nel Veneto Asburgico questa tendenza non aveva trovato riscontro se non a Vescovana, dove la proprietaria colta e cosmopolita che poteva vantare tra i suoi ospiti i Principi del Galles, realizzò questo particolare impianto con vasi, statue e fontane, fino a farlo diventare un “unicum” di questa tipologia di giardino.


Le statue e la sua cultura














































































































Le fontane


























  Top  

Villa Pisani Bolognesi Scalabrin Via Roma n° 25 – 19 – 31, Vescovana (PD)
Tel/Fax: ++39.0425.920016 - Cell.: 336.496.470 - Email: info@villapisani.it - Ghudia s.r.l. P.iva 03326640285 - Modified by Ng srl